Primo tempo!

"Nel mezzo del cammin di nostra vita...." recitava così, molto tempo fà, una filastrocca lungimirante e parecchio azzeccata. Non ricordo quasi più, quando il  gioco fantastico della mia vita è cominciato ma sicuramente è iniziato sotto un sole splendente di una bellissima giornata, avvolto da un aria immensamente ricca di valori e belle cose. Chi avrebbe scommesso un soldo bucato, su tutto quello che è avvenuto... io no! Un giorno lontano una giovane donna, all'epoca lo era, sensitiva, mi predisse parecchie cose che, col senno di poi, si sono manifestate in tutta la loro verità, qualunque sia stata. Mi sembrava troppo bello e inverosimile, ma così è stato. 
Non importa se sono stati belli o brutti, se sono rimasti ricordi indelebili o cancellati dalla polvere del tempo, quello che conta è averli vissuti. Ma la fortuna da sola non basta, così come la ricchezza. Giunto al famoso "giro di boa", devo riconoscere che sono stato molto fortunato e immensamente ricco.  Fortunato, per la salute sulla quale non si scherza mai e che, a parte gli acciacchetti ossei, per ora tiene.. Fortunato, di aver avuto genitori all'altezza della situazione, Maestri di vita eccellenti. Molto Fortunato, come aver fatto "13", di passare ogni giorno e ogni notte in compagnia di una moglie e una figlia meravigliose. Sinceramente, non trovo neanche le giuste parole per esprimermi; forse, un semplice GRAZIE, racchiude tutti quei complimenti che meritano.
Ricco, immensamente ricco è il mio cuore. Inevitabile è il pensiero alla migliore fonte di ricchezza che un uomo possieda: l'Amicizia! E' vero che ti accorgi di quanto vale una persona e di quanto ti sia cara, soltanto quando ti manca. Proprio per questo, da sempre, ho voluto, cercato e spesso ottenuto, di vivere ogni amicizia nel pieno della definizione. Il merito di questa mia ricchezza però, va a tutti quei ragazzi e ragazze che mi hanno donato la loro presenza, facendomi partecipe di alcuni scorci della loro esistenza. Da quei brevi sorsi, ho riempito il mio cuore oltremisura, sentendomi leggero e vuoto, pronto a ricevere ancora tanta ricchezza. 
Che dire ancora...che il primo tempo ce lo siamo giocato? Direi di si, ma adesso c'è il ritorno, il fatidico "secondo tempo" e se tanto mi da tanto, ce lo giocheremo alla grande!!!

Scrivi commento

Commenti: 0